sono paranoica

Sono terribilmente paranoica e non riesco mai a fermare i pensieri che galoppano in continuazione, facendomi vedere immagini a volte totalmente diverse da quella che è la realtà. Le paranoie mi raggiungono ovunque e in qualsiasi momento: quando cammino per strada e incrocio per sbaglio lo sguardo di uno sconosciuto, quando a scuola alzo la mano per dare una risposta al professore per poi riabbassarla... Non smettono mai di assillarmi.

Non posso fare a meno di dubitare di tutto e farmi mille domande riguardo ad un minimo gesto. Sto letteralmente impazzendo, è come se avessi la testa troppo affollata sul punto di esplodere ogni volta. Per me è sfiancante e snervante avere sempre tanti scrupoli e preoccupazioni riguardo a ogni singola cosa, e non so cosa fare per calmare la mia mente.

Mi sono innamorata, e le paranoie sono aumentate ancora di più. Lui ricambia e stiamo insieme da poco, ma purtroppo non riesco ad essere serena e felice. Basta un minimo gesto da parte sua (anche una risposta monosillabica ad un mio messaggio) per farmi avere paura di non essere amata o che lui non mi voglia più. Ho tanta paura, sempre...e non voglio averne più. Le paranoie mi impediscono di essere analitica e di concentrarmi a dovere, dato che non riesco a non essere condizionata da tutti i pensieri inutili che sembrano offuscarmi la mente.

Come posso fermare tutto ed essere serena?

È davvero paranoia?

Cara Samanta,

ciò che descrivi è una situazione difficile da gestire; immagino sia molto pesante vivere in un clima di paura e sospetti. Ho notato che hai usato la parola "paranoia" e mi vorrei soffermare un secondo per far chiarezza sul significato di questo termine. Nel linguaggio quotidiano questo termine vien utilizzato per definire una persona con pensieri di persecuzione, paura e ansia. Nel linguaggio psichiatrico, il termine paranoia è collegato a un concetto psicotico o di personalità. Le idee di una persona affetta da paranoia si manifestano sotto forma di paura e convinzione d'essere spiati, vittime di complotti/attentati/avvelenamenti, paura di tradimenti e così via.

La prima domanda importante è quindi: hai paura che qualcuno ti faccia del male, che le cose capitino per/contro di te? Oppure sei ansiosa? Se sei ansiosa; è una sensazione continua o è legata a degli eventi specifici?Ti è successo qualcosa, per cui "stare sull'attenti" è una strategia che hai imparato? 

Potresti tenere un diario per poterti capire meglio e avere perciò la paranoia un po' sotto controllo. Cerca di rispondere alle seguenti domande: Durante la giornata ci sono momenti in cui sei più paranoica? per esempio di sera, mattino? Cosa succede in quel momento e in quali circostanze ti senti più paranoica? Succede solo quando sei tra la gente o anche da sola? Che pensieri alternativi potresti fare? Come puoi affrontare il pensiero in un modo positivo?

Cerca di distrarti; chiama un'amica, il tuo ragazzo, vai a fare una passeggiata, guarda un film. L'importante è non rimurginare, ma fare chiarezza il prima possibile. Parla con qualcuno e non tenerti dentro tutte le paure! Non è una vita di qualità vivere con una costante sensazione di pericolo.

Se dovessi notare che i pensieri e le paure persistono, prendi in considerazione l'idea di farti aiutare da un professionista. Vedrai che con alcune sedute di psicoterapia imparerai a tenere i pensieri sotto controllo.

Un abbraccio!

Miriam

 

 


Rubrik: Identität Angst Sorgen

Indietro