_Dettaglio

Credo d'avere la sindrome Borderline

Ciao. Credo di avere la sindrome Borderline. Ho dei continui sbalzi d'umore e durante questi, quando sono nei momenti peggiori, mi abbuffo per riempire il vuoto (non metaforico) che sento dentro di me. Mia sorella maggiore è andata a vicvere dal suo ragazzo, e io mi sento come se mi avesse abbandonato. Sono depressa, e vado da una psicologa da più o meno un anno. Non mi apro molto con lei, quindi la maggiorparte di queste cose non le sa, è come un terzo genitore a volte, e non capisce. Così un po' di tempo fa ero arrabbiata con lei, e ho deciso di smettere e ho annullato un po' di appuntamenti. Ma poi in realtà ci vado ancora.

Spesso tendo ad adorare le persone e poi disprezzarle qualche giorno dopo. Ho iniziato due scuole dopo aver finito le medie due anni fa, e le ho spesse tutt'e due quasi subito. Infatti ora non faccio niente. Pesate che potrei avere davvero questa sindrome? La mia psicologa potrebbe riconoscere questa cosa o è solo una cosa che riconoscono i medici specializzati?

Grazie in anticipo

Parlane con la psicologa

Cara Lily,

mi dispiace che questo periodo della tua vita sia difficile. Però non sei sola: Anche se tu descrivi la psicologa come "terzo genitore", la relazione che hai con lei è diversa: parte del suo lavoro riguarda ascoltarti, sorreggerti e cercare strategie per farti stare meglio. Lo scopo delle sedute è quindi aiutarti, ma per far ciò è importante che tu ti apra con lei e le dica come ti senti e cosa sta succedendo nella tua vita. Non è compito tuo cercare di fare un "auto-diagnosi". Un buon rapporto con la psicologa è molto importante per la riuscita della terapia, quindi cosa ne pensi di portarle quello che ci hai scritto e discuterne direttamente con lei? Se invece davvero non ti dovessi sentire a tuo agio con lei, potresti prendere in considerazione l'idea di rivolgerti a un altro psicoterapeuta.

Hai detto che che hai iniziato e smesso due scuole: perché le hai iniziate? Cosa ti piaceva? Perché hai smesso di frequentarle? Cerca di capire i motivi per cui hai fatto queste scelte. Nella nostra società avere un diploma è molto importante. Perciò è fondamentale avere un obiettivo e impegnarsi e combattere per raggiungerlo. Ogni inizio è difficile, ma stare a casa e crogiolarti nel tuo dolore non ti aiuta a stare meglio, anzi! Prova a pensare a cosa ti piacerebbe davvero fare. Se non dovessi avere delle idee potresti fare degli stage o rivolgerti a un ufficio d'orientamento professionale. Diventare adulti può spaventare, ma è inutile scappare. Prendi in mano la tua vita, e impegnati affinchè i tuoi sogni possano diventare realtà!

In bocca al lupo e un abbraccio!

Miriam


Rubrik: Orientierungslosigkeit Traurigkeit

Indietro